HASTA PRONTO MI GUATE!

HASTA PRONTO MI GUATE!
Martina Bruscia

Sogno ancora di essere alla casa del volontario tra i banani e le piante di caffè, immersa dall’amore e dalla generosità che il Guatemala mi ha regalato giorno dopo giorno. Sono stati due mesi di esperienze e sensazioni uniche e rare che non dimenticherò mai. Parti con l’idea di dover fare duemila cose, pensi a come siano giusti o sbagliati determinati comportamenti e invece già appena arrivi attraverso un abbraccio e uno sguardo di un bimbo tutto crolla e ti accorgi di dover resettare tutte le certezze che avevi. Mi sono lasciata travolgere da tutto ciò che mi circondava ed è stato bellissimo.
É stata la mia prima esperienza in campo di malnutrizione in un PVS, sembra assurdo come ancora oggi esistano determinate realtà di povertà, mancata istruzione e scarso igiene.
Ci sono state molte situazioni assurde che mi hanno lasciato un senso di rabbia e di impotenza che ancora oggi percepisco, come ad esempio la non volontà di vaccinare un bimbo o di non volerlo portare al nostro centro di recupero nutrizionale.
Ciò che ho appreso è che è molto importante capire la situazione, osservare e analizzare il contesto, le loro abitudini in modo da poter adattare le nostre alle loro. Questo è servito molto nel rapporto con le mamme, non serve a nulla arrivare e stravolgere la loro vita in quanto non capiranno mai determinate cose che per noi sono ovvie. Non bisogna mai dare niente per scontato ma bisogna avere la pazienza e la voglia di trovare la giusta via di comunicazione e di fiducia reciproca ; una volta trovate è stato tutto più facile.
L’esperienza al CRN è stata forte, il veder migliorare un bimbo grazie al tuo intervento seppur minimo ti fa capire quanto basta poco per contribuire nel tuo piccolo a rendere il mondo migliore.
Ricordo ancora come fosse ieri il giorno in cui Emili, la nostra prima piccola grande vittoria, ha smesso di piangere ed ha iniziato a mangiare, avevamo gli occhi che ci brillavano come se fossimo davanti ad una delle sette meraviglie del mondo.
In tutto questo percorso al mio fianco ci sono sempre stati Massimo e Erika, che ringrazio di cuore per aver reso questa esperienza ancora più speciale, senza il loro abbraccio quotidiano non sarebbe stata la stessa cosa.
Torno a casa con il cuore pieno. Alla fine son stati loro a donare a me più di quanto immaginassi, solo ora mi accorgo che quello che si può fare per il prossimo non è mai abbastanza.

Chiudo gli occhi e sono ancora alla Ciudad de la Felicidad, la mia piccola isola felice.

Vaya pues!
Hasta pronto mi Guate!
Martina

Febbraio 2018
Esquipulas – Guatemala

Lascia una risposta