CONGO: progetto Marafiki

Paese: Repubblica Democratica del Congo

Lotta alla malnutrizione infantile nella Repubblica Democratica del Congo

Il nostro partner: AMKA ONLUS

Via Delle Medaglie d’oro, 201 – 00136 Roma
logoAMKA
AMKA Onlus opera dal 2001 nella regione del Katanga (Rep. Dem. Del Congo), in maniera specifica nella città di Lubumbashi e nei trentasei villaggi dell’area rurale di Mabaya, dove realizza interventi diretti che coinvolgono attivamente le comunità locali rispondendo ai bisogni emergenti di circa 9.000 beneficiari.
Gli interventi
Gestione Progetti
Sede Associazione

Luogo dell’intervento:

Repubblica Democratica del Congo

Provincia del Katanga, area rurale di Mabaya, Lubumbashi

Il contesto generale

La Repubblica Democratica del Congo è il terzo Paese più vasto del continente africano: si estende per oltre 2.300.000 chilometri quadrati e le sue foreste tropicali coprono una superficie grande come il territorio dell’Unione Europea. Seppur ricchissimo di metalli preziosi e altre risorse del sottosuolo (oro, petrolio, cobalto, rame, uranio, diamanti e coltan), il Congo è un paese devastato. La sua storia travagliata, le ingerenze occidentali e i lunghi anni di dittatura hanno reso questo paese uno dei più poveri del mondo: l’Indice di Sviluppo Umano della Repubblica Democratica del Congo è 0.304, che porta il Congo RDC ad essere 186esimo su 187 paesi (Rapporto UNDP 2013). Nonostante la grande ricchezza mineraria delle sue terre infatti, la popolazione vive in condizioni di estrema povertà. Secondo il Global Hunger Index, la Repubblica Democratica del Congo ha un livello di fame (GHI=49) ben oltre il limite al di sopra del quale si considera la situazione nutrizionale del paese “estremamente allarmante” (GHI>30). Inoltre, l’aspettativa di vita alla nascita è di 50 anni, l’indice di mortalità infantile (0-5anni) è di 146 su 1000, l’incidenza della malaria, della malnutrizione, così come i rischi di contrarre l’HIV o di andare incontro ad infezioni e complicazioni legate al parto ed alla gravidanza sono elevatissime e nei bambini sono frequentissime anche violente infezioni intestinali, legate alle precarie condizioni igieniche.

Il contesto specifico e i beneficiari del progetto

Nei villaggi dell’area rurale di Mabaya, a sud della città di Lubumbashi, nella Repubblica Democratica del Congo, le comunità sopravvivono grazie ad un’agricoltura di sussistenza e attività di piccolo commercio. L’allevamento è poco praticato e non organizzato, le distanze tra villaggi o verso la città sono percorse a piedi o in bicicletta e i tragitti vanno da un minimo di 17 ad un massimo di anche 50 o 70 km, e solo in pochi villaggi sono presenti presidi sanitari. Sono rare le iniziative di collaborazione o cooperazione organizzata a livello locale, anche se le esigenze di diversi villaggi sono effettivamente molto simili. Prima dell’arrivo di AMKA Onlus nell’area non erano presenti centri di salute né scuole pubbliche, motivo per il quale tutt’oggi la maggior parte della popolazione della zona è analfabeta.

Origine del progetto

Nell’estate 2009 AMKA Onlus ha condotto un censimento e screening dei bambini tra 0 e 5 anni nella zona di salute di Mabaya, rilevando che su un totale di circa 1.500 bambini sotto i 5 anni, il 25,4% dei casi presentavano uno stato di malnutrizione. La gravità del problema nell’area si è resa evidente ed AMKA, per far fronte all’emergenza, ha costruito un’Unità Nutrizionale Terapeutica (UNT) all’interno del Centro di Salute già precedentemente costruito nel 2004, nel villaggio rurale di Kanyaka. In questa struttura, da alcuni anni vengono accolti e curati i bambini affetti da malnutrizione attraverso l’applicazione di un protocollo di cura sperimentale (approvato dal PRONANUT, il Programma Nazionale) basato sull’uso di alimenti locali anziché integratori preconfezionati.

Il progetto di Lotta alla Malnutrizione infantile e la collaborazione con Nutrizionisti Senza Frontiere

La collaborazione tra AMKA Italia, AMKA Katanga e Nutrizionisti Senza Frontiere nasce dal comune desiderio di migliorare le condizioni di vita delle popolazioni a Sud del mondo. Con questa idea, il progetto si propone di aumentare le conoscenze locali in materia di nutrizione e le competenze del personale sanitario al fine garantire il miglioramento dei servizi di prevenzione e presa in carico della malnutrizione nell’area rurale di Mabaya e, al contempo, favorire l’internazionalizzazione dello scambio professionale nell’ambito della nutrizione tra i due Paesi.

La cooperazione tra le tre associazioni è infatti volta a favorire lo scambio interculturale e quello professionale attraverso una collaborazione virtuosa che coinvolga in maniera attiva studenti e nutrizionisti esperti provenienti dall’Italia, offrendo loro la possibilità di fare un’esperienza di volontariato all’estero, che gli permetta di conoscere e confrontarsi con le strutture sanitarie di un Paese a Sud del mondo.

I vantaggi per lo studente o esperto nutrizionista che parte per un’esperienza formativa in un Paese del Sud del mondo sono difatti innumerevoli; dall’applicare le proprie conoscenze nella prevenzione, diagnosi e cura, al familiarizzare con un diverso sistema sanitario acquisendo una visione globale dei problemi sanitari nella loro accezione economica, culturale e sociale. Infine, l’esperienza permetterà a tali figure professionali di avvicinarsi al settore della cooperazione internazionale e dello sviluppo e considerare una carriera nell’umanitario.

Obiettivo generale

Migliorare lo stato di salute e quello nutrizionale dei bambini nell’area di salute di Mabaya.

Obiettivo specifico:
  • Migliorare il servizio di prevenzione e presa in carico della malnutrizione nell’area di Mabaya (RDC).
  • Favorire l’internazionalizzazione dello scambio professionale nell’ambito della nutrizione.
Risultati attesi:
  • Aumento delle conoscenze locali in materia di nutrizione
  • Aumento della partecipazione comunitaria nelle attività di prevenzione della malnutrizione infantile
  • Aumento delle competenze del personale sanitario locale in materia di nutrizione e presa in carico dei casi di malnutrizione.
  • Miglioramento dei servizi sanitari e nutrizionali dell’Unità Nutrizionale Terapeutica
  • Rafforzamento della partnership con le istituzioni locali e con le strutture ospedaliere locali per la presa in carico dei bambini malnutriti
  • Mobilitazione in Italia di un gruppo di nutrizionisti volontari che effettueranno la missione in RDCongo
  • Avvio di buone pratiche di scambio interculturale e professionale nell’ambito della nutrizione tra i due
Attività in Congo

1.1.Sensibilizzazione della popolazione dell’area di Mabaya su prevenzione e nutrizione
2.1. Coinvolgimento attivo della comunità e formazione dei comitati di villaggio
3.1.Formazione del personale sanitario di AMKA katanga, del personale sanitario delle strutture ospedaliere partner in RDCongo e degli eventuali attori istituzionali coinvolti nel progetto
4.1. Fornitura di uno stock di medicine all’Unità Nutrizionale Terapeutica (UNT) nel villaggio di Kanyaka
4.2. Fornitura di uno stock a base di alimenti locali per la preparazione dei pasti dei bambini malnutriti ricoverati all’UNT
5.1. Incontri periodici e coinvolgimento degli attori istituzionali e del personale delle strutture ospedaliere partner in Congo

2 thoughts on “CONGO: progetto Marafiki

  1. con molto piacere ed interesse ho letto il progetto e tutto ciò che comprenderebbe questa esperienza!
    Mi piacerebbe moltissimo .
    Dovrei seguire i 2 corsi di formazione qui in Italia e iscrivermi pagando la quota di circa 8.000 euro; ho capito bene?

  2. Salve, sono una psicologa e vorrei sapore le modalità per diventare volontaria. Pacenza Maria Rosaria 3661607343

Lascia una risposta